Modalità notte
Modalità giorno

Lettera pubblica

Benvenut*! In questa pagina potete leggere una delle lettere pubbliche inviata da una persona al proprio io del futuro.


Lettera #

Scritta il 08-mar-2021

Cara Valentina o me stessa( non so cosa sai meglio),

sono io, me, e ti scrivo perché...perché...perché ho inviato tanti messaggi, scritto qualche lettera, spedito un sacco di cartoline, perché si dice che bisogna fare agli altri ciò che vorresti fosse fatto a sé, bé allora é tempo che la riceva, quella lettera che non arrivata mai, quel messaggio che non mi stato spedito, quelle parole che non ti sono state dette...

Ero intera quando ho pensato come avrei voluto come sarebbero dovute andare le cose...prima che mi rendessi conto che non solo ero in catene, ma ero anche in una bella prigione, io credevo di essere riuscita a liberarmi da quel primo amore che ancora prima che lo diventasse fu per me quasi un'ossessione, che mi aveva corroso, e da cui ero uscita più forte e pronta a un rapporto speciale che non avevo cercato...ma le cose cambiano e i nodi vengono al pettine..volevo volare, ma col piombo addosso ineviabilmente cadi...e così inziai a perdere quota..

quella sera mi sembrava di riaverlo finalmente tra le braccia, invece io avevo la vista offuscata...non capii che stavo facendo l' unica cosa che non si deve fare..e lui invece di venire sotto casa mia, o di farci incontrare dove ci siamo incontrati per la prima volta, su quella discesa nella strada sopra il corso, di chiedermi perché avevo detto quelle cose, di abbracciarmi, di chiedermi quel bacio che volevamo entrambi...e dire che non importava nulla, ciò che stato detto, fatto, aspettato...finalmente eravamo insieme e non contava altro....ma non andata così, lui sparì e mi abbandonò a me stessa

Grazie a quel dolore iniziai a capire che stavo precipitando, a dicembre il treno fischiato...ero a casa, tra la neve, il pub, la famiglia, le rinascite...e poi gennaio..tornare in quella gabbia che ora vedevo...e poi la rivelazione...la trasgressione, l'errore, lo strappo alla regola per respirare...non ho fatto la verifica di filosofia, o meglio ho scritto tutto quello che sentivo...inetta,sola,in balia del dovere e degli altri,deludente,col cuore a pezzi, impaurita, spaventata per il futuro e ferita dal passato che decideva un presente che non vivevo...

Il mio prof non mi ha dato 5, e non mi ha sbugiardata, é venuto in classe, 2 giorni dopo, sorridendo, penso intorno alle ore di metà mattina...mi ha chiesto di parlare con me, come faceva lui, si poggiato per sedersi vicino al tavalo vicino a quelle finestre da cui avrei vluto buttarmi per molte volte passate e da cui poi ho imparato a salutare, e mi ha chiesto:" che succede?" "allora che cosa é successo?" non lo aveva fatto mai, lui mi ha guarsato senza giudicarmi, senza pretendere un sorriso, senza che non avesse comprensione, empatia, sentimento, prsenza...e alla fine ho detto...."non é grave ce la farò"

Dopo poco inziai il mio percorso, facevo test, leggevo articoli, quiz, dormivo e non volevo vedere nessuno, dopo che non mangiavo più, non dormivo, non ridevo più, non amavo più, almeno non veramente....e piano piano capii

Io andavo bene così...sono una persona altamente sensibile

io non dovevo essere perfetta, sono più complicata e gli errori sono a volte tanto necessari

io ero stata abbandonata, ma forse andava bene così, perché ora vedevo, e potevo correre grazie a quella benzina e partire per la mia strada, basta urla, basta bugie, basta rassegnazione, basta critiche, basta insulti, solitudine, risate finte, infelicità cronica...

e alla fine ce l' ho fatta...sono a perugia, ho superato il test, sono all' università, ho un appartamento, una macchina, e un volto che si sente bello e che sorride meno ma sincermente..con persone nuove da conoscere...in corsa per la mia vita

Ma contemporaneamente c'é stata una pandemia, ancora in giro che non mi permette di andare dove voglio quando voglio, di non abbracciare, di non ballare e bere ad una festa, di baciare...anche se in tutto questo casino, ho avuto anche un primo bacio tanto bello quanto stronzo il ragazzo con cui ci siamo fatti questo dono

Così non so quando, oltre a stringere la mia cuginetta Marika tra le braccia, potrò rivedere lui per dimostrarci che possiamo non ferirci più, parlandoci o meno, quando potrò tornare a ballare e a vestirmi per una serata che voglio ricordare perché cappero ormai sono del mio secondo decennio di vita...non lo so

Non so neppure se quel ragazzo che tanto mi ha attirato alle sue braccia, col nome di un poeta incredibile mi " corteggerà" davvero per scoprire chissà cosa nel tempo

Non so neppure se magari incontrerò un ragazzo che sia pazzo di me, mentre trovo un modo per tornare in quel posto che mezzo incasinato, senza lavoro, con un sacco di problemi e lontana mi ha conquistato con la mia sila, il cibo e una fisarmonica... chissà se sarò tornata a casa o avrò portato la mia casa in me, se avrò modo di capire come costruire un incredibile equilibrio dinamico, in me e fuori da me e chissà cos'altro

se sarò un' ostetrica, se sarò più bella, se sarà con un anello di fidanzamento o con un biglietto vincente dellla lotteria...ciò che voglio dirti é che non devi, non voglio dimenticare...perché grazie a tutto questo ora sei libera..vale. Sei LIBERA...non hai più le sbarre alla finestra...e sappi che io ti voglio bene, non importa se non sanno prendersi cura di te, quelli così accompagnali gentilmente alla porta e lascia che ci sia un abbraccio forse e un bacio sincero a farti compagnia, a essere condiviso in questa vita, in cui, dall' oggi al domani il sole può smettere di splendere, ma che con amore e lavoro può sorgere ancora e più bello che mai...più bello che mai


Loading...
0
0
0

Condividi su


Questo sito utilizza i cookie. Va bene